Deutsch (DE-CH-AT)English (United Kingdom)Russian (CIS)Italian - ItalyFrench (Fr)Español(Spanish Formal International)
Eventi
<<  Ottobre 2020  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
     1  2  3  4
  5  6  7  8  91011
12131415161718
19202122232425
262728293031 
News esterne
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
Articoli degli studenti - 2012

Laura Martin, Moonbuggy Team Italy/India, 2012 Scuola Superiore                 
International Space Education Institute
www.spaceeducation.de

Venezia, 28.03.2012

Laura MartinHo 17 anni e frequento il IV anno al liceo scientifico “G.B.Benedetti” a Venezia, dove vivo.
Sono venuta a conoscenza della “Great Moonbuggy Race” per la prima volta nel novembre 2011 quando il Sig. Heckel, il president dell’ISEI (International Space Education Institute) è venuto nel mio liceo per offrirci questa fantastica occasione per le nostre carriere future e le nostre esperienze personali.
Sono stata molto interessata fin dal primo momento, nonostante il progetto sembrasse veramente impegnativo, perchè penso che avere l’opportunità di poter viaggiare in un altro continente, parlare altre lingue, costruire da soli una bicicletta lunare, e tutto questo in collaborazione con il più importante ente nazionale per le attività spaziali e areonautiche, sia un’occasione imperdibile!
Così tutta la mia classe ha accettato con entusiasmo di partecipare in febbraio al Workshop Invernale a Lipsia organizzato dal Sig. Heckel: abbiamo imparato i valori della NASA, cosa significa veramente il lavoro di squadra, come funziona un moonbuggy e come costruirne uno, le regole della “Great Moonbuggy Race”, e abbiamo avuto il nostro primo approccio nell’uso di macchinari e nella costruzione di pezzi metallici.  
Poi abbiamo dovuto selezionare tra di noi i 5 studenti più motivati che avrebbero avuto la possibilità di partecipare alla Great Moonbuggy Race 2012 in collaborazione con una squadra indiana; e così è nata la prima squadra italiana.
Abbiamo subito iniziato a lavorare sodo perchè avevamo moltissime cose da fare e poco tempo a disposizione.

Per prima cosa abbiamo deciso di spartirci i compiti per essere più efficienti nel nostro lavoro:

  • abbiamo subito cercato una fabbrica che potesse produrre i nostri pezzi; fortunatamente il padre di uno di noi ha un amico di lavoro che poteva aiutarci con la sua macchina
  • abbiamo contattato i giornali locali per fissare una conferenza stampa. Siamo stati intervistati da “Il Corriere del Veneto”, “La Nuova” e “Il Gazzettino”  
  • abbiamo cercato gli sponsor, che è stata la cosa più difficile. Infatti avevamo troppo poco tempo per contattare gli amministratori delle aziende e molti potenziali sponsor ci hanno detto che non potevano accettare la nostra offerta a causa della difficile situazione economica, dovuta alla crisi. Ma alla fine abbiamo trovato alcune compagnie interessate al progetto, che sono diventate gli sponsor ufficiali della nostra squadra.
  • abbiamo trovato una ditta che poteva fornirci dei pezzi che non eravamo in grado di fabbricarci da soli.

Il progetto ci ha richiesto molte ore di lavoro: conciliare lo studio scolastico, questo e la mia vita privata non è stato facile.
Ma la fatica e lo stress sono stati ripagati. Sono molto fiera di ciò che ho fatto finora con i miei compagni di squadra perchè abbiamo avuto una grande soddisfazione per i risultati conseguiti.
Sono sicura che la nostra trasferta ad Huntsville per la Great Moonbuggy Race sarà un’esperienza indimenticabile e molto formativa…Non vediamo l’ora di andarci!

 
Donazioni
Jetzt Spenden! Das Spendenformular wird von betterplace.org bereit gestellt.
Traduz. Google
Collegamenti
TV
TV
radio
cancel
SW
nasa-blog
moonbuggy
spacecamp
nasatv
nasaedge
esa
roscosmos
energia
olympics
novosti
ansari
xprize
vga
roncret
lux
russpaceweb